Evidentemente, al Parlamento Europeo hanno ben altro da fare che approvare tutte le proposte avanzate dai mille curiosi personaggi che danno tanto colore all’Europa. Qualche amante di uno dei giochi che caratterizzano gli Stati Uniti, ha ben pensato di risolvere il problema Pirateria & P2P come facevano il mitico Nolan Ryan o Roger Clemens: tre strike, eliminato.

Già, perchè sulla scia della “Dottrina Sarkozy”, il parlamentare francese Guy Bono (evito ogni facile ironia), ha lanciato una bella palla slider presentando un emendamento che prevede la sospensione forzata del collegamento a internet nel caso un utente venisse “pizzicato” tre volte a scaricare e uploadare materiale coperto da copyright.

Alla prima ti tirano le orecchie, alla seconda una bella paternale e una settimana senza Tv, alla terza a letto senza cena…

Fortunatamente, l’emendamento è stato bocciato con la conclusione che internet e il suo accesso sono un diritto universale per il cittadino, facendo notare come non si possa trattare un file-sharer alla stregua di un pericoloso criminale. E meno male, perchè dopo i funesti risultati elettorali italiani, se fosse stato approvato anche il testo dell’emendamento, avrei davvero iniziato seriamente a pensare di fare i bagagli per il luogo più lontano e isolato possibile.

Ma non è tutto oro quello che luccica: la bocciatura non è vincolante, quindi ogni singolo stato può agire secondo le proprie leggi in materia. E considerando che l’anno prossimo quel simpaticone di Sarkozy sarà presidente dell’UE, la battaglia per un P2P non dico libero, ma regolamentato in maniera equa, sarà lunga e difficile.

Intanto noi rispondiamo con un fuoricampo: Guy Bono…sei eliminato!